BUSTER BROWN (Mimmo) Stati Uniti, 1902 / umorismo / di Richard F. Outcault

Biglietto di San Valentino
con Buster Brown e Tige
(Museo del fumetto "F. Fossati")

Ragazzino biondo dall'aspetto angelico, Buster Brown sembra assai educato ma in realtà è sempre pronto a combinarne di tutti i colori, da solo o in compagnia del suo bulldog Tige e della sorellina Mary Jane.
A conclusione di ogni marachella (ma talvolta sono autentici disastri) una vignetta densa di testo trae la morale della vicenda.
Il personaggio vede la luce il 4 maggio 1902 sulle pagine del New York Herald e durerà fino al 15 agosto 1920, quando Outcault lascerà il fumetto per dedicarsi interamente alla pittura.

Mimmo, Mammola e Medoro
nel Corriere dei piccoli
(Museo del fumetto "F. Fossati")

In Italia il personaggio è pubblicato sul Corriere dei piccoli fin dal primo numero del 27 dicembre 1908, dove appare in prima pagina ribattezzato Mimmo, mentre la sorellina diventa Mammola e il bulldog Medoro.

MERCHANDISING. Il successo, che segue quello di Yellow Kid, viene anche da un'importante operazione di merchandising, una delle prime "commercializzazioni" di personaggi del fumetto: la Brown Shoe Company di St. Lewis (Missouri) associa il personaggio alla propria linea di calzature per bambini ("for boys - for girls") lalciata nel 1904 in occasione della St. Louis World's Fair. Le scarpe della Buster Brown Shoe resteranno sul mercato anche dopo la cessazione della popolare serie a fumetti, con grande diffusione fino al 1999, quando la Brown Group riconduce la Buster Brown & Co a una Kid's division della Brown Shoe; ma nel 2000 le Buster Brown vengono rilanciate con lo slogan "A Pair to Remember", fino a celebrare il centesimo anniversario.