TARZAN Stati Uniti, 1912/1929 / avventura / Edgar Rice Burroughs (creatore del personaggio letterario) e Hal Foster, Burne Hogarth, Rex Maxon, Bob Lubbers, John Celardo, Russ Manning, Joe Kubert, etc.
Tarzan nasce dalla fantasia dello scrittore statunitense Edgar Rice Burroughs ed è protagonista, a partire dall'ottobre 1912, di una serie di romanzi e di racconti tradotti in oltre cinquanta lingue, quattro dialetti indiani e uno africano, con una tiratura globale che supera i cento milioni di copie.
Nel 1918 ha inizio anche una lunghissima serie di film (particolarmente famosi quelli interpretati del campione di nuoto Johnny Weissmuller).
Soltanto nel gennaio 1929 esordisce nel fumetto sui quotidiani statunitensi, quando l'avventura irrompe nella Nona Arte con i suoi primi grandi personaggi.
Dal 1929 le storie a fumetti di questo eroe sono realizzate da numerosi sceneggiatori, quasi sempre anonimi, e da diversi disegnatori. E' impossibile citarli tutti ma bisogna ricordare soprattutto Harold Foster, che disegna le prime sessanta strisce giornaliere, passando poi la mano al legnoso Rex Maxon. In seguito, convinto da un ottimo contratto, Foster accetta di tornare al personaggio per occuparsi delle tavole domenicali, abbandonandolo tuttavia e definitivamente alla fine del 1936 per dar vita al suo Prince Valiant. Le tavole domenicali passano dunque a Burne Hogarth, il "Michelangelo del fumetto", che se ne occuperà, con brevi interruzioni, sino al 1950: celebrato autore di numerosi volumi sul disegno del corpo umano, è considerato da molti il miglior disegnatore delle avventure a fumetti del re della giungla e realizzerà ancora lo splendido volume "Tarzan of the Apes" nel 1972. Alcuni gli preferiscono tuttavia il classico Foster, e altri il più moderno Russ Manning, che incomincerà a occuparsi delle strisce quotidiane e delle tavole domenicali alla fine degli anni Sessanta approfondendo la psicologia del signore della giungla, proseguendo il discorso iniziato da Burroughs e realizzando storie sempre in bilico tra realtà ed epoche storiche ormai dimenticate. Tra gli altri autori bisogna citare almeno Joe Kubert, che restituisce all'eroe una dimensione selvaggia in una bella serie di albi da edicola.
Tra il 1946 e il 1950 alcune avventure di Tarzan, interamente scritte e disegnate in Italia, non autorizzate, vengono pubblicate in piccoli albi della Editrice Taurinia, finché al personaggio viene imposto un nome diverso, Urang.
MEDIA A parte una cinquantina di film (otto dei quali muti) con attori reali, occorre ricordare il lungometraggio d'animazione della Disney del 1999.

Testate del CATALOGO DEL FUMETTO ITALIANO:
AUDACE, URRÀ [giornale], ALBI URRÀ, ALBI COSTELLAZIONE, TARZAN

ALBI DELL'INTREPIDO [dopoguerra], ALBI MIGNON / ARCOBALENO (ed. Taurinia)

  • Alberto Becattini. Cronologia di Tarzan in Exploit Comics dal n.4 (1977) al n.7 (1978), GAF - Gruppo amatori fumetti [Associazione Alfa Cure], Firenze.