Gabriele D'ANNUNZIO (Mario De Fiori)1863-1938
Nasce a Pescara (Italia) nel 1863. Studente liceale a Prato, pubblica nel 1879 "Primo vere", un volume in versi, presto seguito da "Canto Novo" (1882). Nel 1881 è a Roma ed entra prima nel gruppo del Capitan Fracassa, poi in quello di Cronaca Bizantina.
Nel 1883 si sposa con Maria Hardouin, duchessa di Gallese. Continua l'attività letteraria collaborando anche con La Tribuna, utilizzando vari pseudonimi.
Pubblica due raccolte di novelle, nel 1884 "Il libro delle vergini" e nel 1886 "San Pantaleone" (che verranno raccolte tutte nel 1902 sotto il titolo "Novelle della Pescara").
Nel 1890 pubblica a puntate, sui primi numeri de La Tribuna illustrata (il primo settimanale illustrato italiano), il romanzo "L'invincibile", che sarą rivisto e completato pił tardi diventando "Il trionfo della morte".
Nel 1898 con lo pseudonimo di Mario De Fiori continua a seguire brillantemente le orme giornalistiche di Gandolin puntualizzando la cronaca artistica e mondana di Roma e collaborando con il quotidiano Caffaro di Genova.
Quando Yambo continua la testata Il Pupazzetto (creata da Gandolin), collabora per qualche tempo con l'amico pisano in questa impresa (almeno nel 1907), sempre utilizzando lo pseudonimo De Fiori.

PAGINA IN PREPARAZIONE

Muore a Gardone Riviera (Brescia, Italia) nel 1938.