FANFULLA

Fondato a Firenze da Francesco De Renzis, Baldassarre Avanzini, Giuseppe Augusto Cesana e Giovanni Piacentini.
Il primo numero esce il 16 giugno 1870.
Nel 1871 si trasferisce a Roma, in via Uffici del Vicario, e viene diretto da Baldassarre Avanzini (che si firma "io Fanfulla" ed "E. Caro").
Nel 1872 entra in redazione anche Ferdinando Martini (Fantasio), che sarà anche direttore del Fanfulla della domenica e de Il giornale per i bambini.
Tra i collaboratori del giornale troviamo: Vamba (Luigi Bertelli), Yorick figlio di Yorick (Piero Ferrigni), Oronzo E. Marginati (Luigi Locatelli), Gandolin (Luigi Arnaldo Vassallo), Tito Livio Cianchettini (Filiberto Scarpelli), Guido Vieni (Giuseppe Martellotti), Giulio De Frenzi (Luigi Federzoni), Caramba (Luigi Sapelli), Carlo Collodi (Carlo Lorenzini), U. Pesci, P. Molmenti, Gabriele D'Annunzio, etc.

FANFULLA DELLA DOMENICA

Supplemento letterario domenicale del Fanfulla, è fondato a Roma da Ferdinando Martini e diretto da Bonaventura Severini; il n. 1 č del 27 luglio 1879.
Martini lo segue fino al 1882, quando dŕ le dimissioni e fonda La domenica letteraria; gli succede Baldassarre Avanzini, che ne mantiene l'impostazione. [Da verificare la direzione di Luigi Capuana nel periodo di crisi del 1882].
Il settimanale ricopre un ruolo importante nel panorama giornalistico e culturale italiano almeno fino alla svolta del secolo, continuando poi più stancamente fino al 1919 quando la pubblicazione viene interrotta.
Tra le firme del giornale: Giosuč Carducci, Enrico Nencioni, Matilde Serao, Emma Perodi, Enrico Panzacchi, Ruggiero Bonghi, Luigi Capuana

ALMANACCO del FANFULLA

pubblicazione annuale
dal n. [1] (1871)

  • Biblioteca comunale dell'Archiginnasio, Bologna.