Mario FAUSTINELLI (Davide, Martino) 1924-2006
Nasce a Venezia (Italia) l'8 novembre 1924. Nel 1943 disegna le storie comico-avventurose di Pompeo Bill per Gianluigi Bonelli e la sua testata Albo d'oro Audace. Nel 1946 pubblica e dirige l'Asso di Picche, dove scrive e disegna con lo pseudonimo di Davide insieme al cugino Alberto Ongaro. Il periodico viene costruito collettivamente da un gruppo di amici che diventeranno grandi firme del fumetto italiano, come Hugo Pratt e Paul Campani. La mitica esperienza si conclude quando gran parte degli autori e lo stesso Faustinelli sono invitati oltreoceano per lavorare in Argentina e Brasile.
Collabora con la testata Misterix fino a metà degli anni Cinquanta, creando tra l'altro "Kim de la nieve" (firmato ancora con lo pseudonimo Davide, aiutato qua e là da Pratt per il disegno) e "Pat Brando" (sotto l'identità di Martino). Si dedica anche con passione alla pittura.
Ritorna in Italia nel 1957 e comincia una lunga collaborazione con Rinaldo Dami e Carlo Porciani, scrivendo storie per il Corriere dei Piccoli (come la serie umoristica "Apollo e Apelle", disegnata da Paolo Piffarerio) e creando nel 1963 il personaggio di Kolosso, ma anche numerosi testi per enciclopedie per ragazzi.
Collabora con lo staff di Maria Perego per il personaggio televisivo Topo Gigio, scrivendo con Guido Stagnaro la sceneggiatura del lungometraggio a pupazzi animati "Le avventure di Topo Gigio" (1961, regia di Federico Caldura).
All'inizio degli anni Settanta scrive un apprezzato libro sull'arte, "Man the Artist", per il mercato di lingua inglese.
Scrittore di libri per ragazzi, poeta, disegnatore, studioso e appassionato d'arte, per oltre cinquant'anni è una presenza importante nella cultura e nell'editoria ma senza protagonismo.
Dopo una lunga malattia muore a Milano (Italia) il 31 luglio 2006.

 

  • A cura di Gianni Brunoro e Roberto Reali. "Magica America". ANAFI, Reggio Emilia, 2004.