Roberto FONTANARROSA 1944-2007
Nasce a Rosario (Argentina) nel 1944. Inizia nella pubblicità ma pubblica nel contempo vignette umoristiche su alcuni periodici della città natale. Dal 1972 il lavoro si espande, allargandosi a pubblicazioni quali Siete Días, Hortensia, Satiricón e Panorama, nonché il quotidiano Clarín. Umorista acuto e attento, vede pubblicati numerosi libri anche fuori dall'Argentina. Amante del cinema e dello spettacolo in genere, realizza una serie di lavori – vignette, singole tavole o serie complete – ispirate a celebri classici o a spettacolari fatti d'attualità.
In particolare acquista fama per due serie di grande successo: Boogie, el aceitoso e Inodoro Pereyra, el rennegáu. Il primo è una sorta di affettuosa e ironica rivisitazione del giallo alla Bogart, mentre la seconda serie è una personale riscoperta del tradizionale mondo dei gauchos, fino a quel momento trattati dal fumetto solo in modo realistico-avventuroso. E' considerato come uno dei maggiori autori umoristici.
Colpito nell'ultmo periodo della sua vita da una grave malattia che lo porta a una progressiva paralisi, senza tuttavia minarne la lucidità, è confortato da grandi dimostrazioni di affetto sia da parte del pubblico sia da parte dei colleghi artisti di tutto il mondo. Nel 2006 riceve a Guadalajara (Messico) la prestigiosa "Catrina", un oscar del fumetto e dell'umorismo.
La malattia decorre più rapidamente del previsto, e muore il 19 luglio 2007.
  • Ricordo di Roberto Fontanarrosa scritto da Melina Gatto il giorno della sua scomparsa. [testo disponibile anche in spagnolo]