Vittorio GALETTO (Vitti)1920-2006
Nasce a Riletto (Torino, Italia) nel 1920. Fratello maggiore di Delfino Galetto (Gal) condivide con lui la passione per il disegno umoristico. Nei primi anni Sessanta entrano insieme a far parte della cerchia di autori dell'agenzia Disegnatori Riuniti di Cassio Morosetti.
Lo stile si rifà alla grande scuola dei disegnatori statunitensi e britannici, sebbene riesca a trasformarlo in un suo carattere personale. I disegni, realizzati su carta di buona qualità, sono molto curati e rifiniti con velature di inchiostro diluito stese a pennello, per ottenere l’effetto di chiaro-scuro. Il suo umorismo si ispira soprattutto alla vita quotidiana della gente comune, cogliendola negli attimi divertenti della routine lavorativa, domestica o di svago e ben rappresenta la sintesi di quell'umorismo di costume nato e fiorito nel secondo dopoguerra.
Come tutti gli autori rappresentati dalla grande agenzia milanese, viene pubblicato su numerosissime testate italiane e straniere per quarant'anni.
Muore a Torino (Italia) nel 2006.