Oscar SCALCO (OSKAR)1971
Nasce a Cassano Magnago (Varese, Italia) il 18 settembre 1971. Conclusi gli studi superiori al Liceo Artistico, frequenta la Scuola del Fumetto di Beppe Calzolari dal 1991 al 1994. Disegnatore e illustratore, finita la scuola a giugno, dallo stesso autunno 1994 comincia a collaborare alla testata Alan Ford e ad altre iniziativa editoriali della Max Bunker Press, come Kerry Kross e Beverly Kerr, un rapporto che durerā fino al 2004.
Dal 1996, per cinque anni, insegna Disegno e Tecnica del colore alla Scuola del fumetto che aveva frequentato come studente, e terrā laboratori sull'argomento presso diversi enti locali e nell'ambito di mostre di settore.
Nel 1998, con lo sceneggiatore Davide Barzi, realizza diversi personaggi comici quali I Vagamondi (Edizioni SF) e Rynghio & Raskyo (ed. L'isola che non c'č). Tra il 1998 e il 2002 crea come disegnatore, sempre in coppia con Davide Barzi, la miniserie comica "No Name" (Edizioni IF), la cui tavole saranno esposte a Cartoomics, a Lugano Comics e allo WOW Spazio Fumetto di Milano.
Disegna nel 2002 la copertina per il libro "Carta Canta" (Cartoon Club) vincitore del premio Franco Fossati per il miglior saggio sul fumetto italiano.
Con Davide Barzi e Leone Cimpellin lavora nel 2003 al progetto della serie a fumetti Zoollywood.
Nel 2003 realizza la storia comica "Sandok Alan" dedicata ad Alan Moore, che verrā pubblicata in Italia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania e Spagna.
Disegna storie autoconclusive per la casa editrice belga Joker Edition e un volume dedicato agli anni Sessanta intitolato "Les Sixties".
Per la Grüner-Mondadori crea la striscia "Ernesto" (per la rivista Focus Giochi) e una serie di illustrazioni (per la rivista Brain Trainer).
Nel 2004 inizia la collaborazione con la Sergio Bonelli Editore, inizialmente come inchiostratore e dal 2006 come disegnatore completo, per le testate Nathan Never, Universo Alfa e Agenzia Alfa.
Dal 2006 al 2009 inchiostra per la rivista Power Rangers magazine, una testata della Walt Disney Italia.
Dal 2010 al 2015 disegna, per il settimanale a fumetti Il Giornalino (Periodici San Paolo) la serie "Corsari di Classe Y", creata con Alessandro Bilotta.
Per la casa editrice De Agostini realizza fascicoli illustrati con Ape Maia.
Nel 2016 viene pubblicato dalla Cut Up Publishing il volume "No Name- Eterni Ritorni", raccolta della miniserie del 1998-2004.
Per la Sergio Bonelli Editore disegna un'avventura della serie di Cico, scritta da Tito Faraci.
  • Note in Bombastium n. 2 (novembre 2003).
  • Note biografiche fornite dall'autore, marzo 2017.