BEETLE BAILEYStati Uniti, 1950 / umorismo / Mort Walker
La prima striscia viene pubblicata su 12 quotidiani il 4 settembre 1950. Dopo sei mesi i clienti sono saliti soltanto a 25, ancora troppo pochi. Il personaggio è un giovane studente di college, cappelluccio perennemente calato sugli occhi, fumatore di pipa. Ha anche una simpatia per una studentessa, certa Buzz. Quando l'impegno militare statunitense in Corea entra prepotentemente nella quotidianità, Beetle Bailey (creato ispirandosi all'amico di college e commilitone Dave Hornaday) saluta genitori e fratellino e si arruola volontario (il 13 marzo 1951), finendo in una caserma dove trascorrerà una lunghissima vita fumettistica, con un contratto firmato con il King Features Syndicate.
La sua nuova "famiglia" è composta da commilitoni, soprattutto da "Sarge", ossia il sergente Orville P. Snorkel, poi il generale Amos T. Halftrack, lo sciupafemmine Killer, l'ingenuo Zero (il cui nome, spiegherà Walker, deriva dal suo quoziente intellettivo), il cuoco Cookie, eccetera.
Il 14 settembre 1952 esce anche la prima tavola domenicale, e il successo della serie è in costante crescendo. Mentre i vecchi personaggi si caratterizzano ulteriormente, se ne aggiungono di nuovi come il tenente Sonny Fuzz, il cappellano Staneglass.
Il 12 aprile 1954, conclusasi l'avventura coreana, convinto della poca attualità di una striscia sulla vita militare, Walker introduce nella vita borghese di Beetle Bailey una sorella maggiore dai capelli neri, Lois Bailey, sposata con Hi e già mamma di tre figli. Ma dopo due settimane Beetle deve ritornare in caserma, richiamato dalla licenza dalle proteste dei lettori, mentre Walker firma con la KFS un nuovo contratto per la serie familiare "Hi and Lois", un nuovo eccezionale successo.
La "famiglia" di Camp Swampy intanto si arricchisce di nuovi personaggi: il riccioluto Julius autista del generale, l'abile Cosmo capace di organizzare qualsiasi cosa in qualunque circostanza e condizione (ispirato al personaggio di William Holden nel film "Stalag 17"), l'intellettuale Plato (disegnato sull'amico e collega Dik Browne), la segretaria da sogno Miss Buxley (ispirata a Marilyn Monroe, esordisce il 17 novembre 1971), il tenente Flap (primo personaggio di colore della striscia, appare il 5 ottobre 1970), il cagnolino Otto (assolutamente simile al suo padrone, il sergente Snorkel), fino alla brunetta Bunny che rimpiazza Buzz nell'orizzonte affettivo di Beetle.
Nel 1956 la serie supera quota 500 quotidiani, che diventano 700 nel 1959, 900 nel 1963, 1.000 nel 1965, 1.100 nel 1968, oltre 1.300 nel 1970 e oltre 1.600 nel 1983... un universo di lettori quantificabile in 150 milioni al giorno!
Girata la boa dei cinquant'anni, la serie continua a essere, negli anni Duemila, tra le più amate.
  • Mort Walker. "The best of Beetle Bailey". Designed and edited by Brian Walker. Comicana Books, Bedford, NY (USA), 1984.