Francesco Tullio-ALTAN (Altan)1942
Nasce a Treviso (Italia) il 30 settembre 1942. Interrompe gli studi di Architettura a Venezia per trasferirsi a Roma nella seconda metà degli anni Sessanta e dedicarsi al cinema e alla televisione, sia come scenografo sia come sceneggiatore. Illustra "Prego, passi Lei... - il Breviario del vero Signore" di Guglielmo Solci, per Canesi, e inizia una collaborazione con illustrazioni e vignette per il mensile Playmen dell'editrice Tattilo.
Nel 1970 si trasferisce in Brasile, a Rio de Janeiro, dove lavora per il cinema ma dove crea anche, nel 1972, il suo primo personaggio per bambini sul quotidiano Journal do Brasil; nel 1974 inizia una regolare produzione fumettistica per l'Italia, dando vita, sulle pagine di Linus, a Trino, uno sprovveduto dio-travèt intento alla creazione del mondo (sarà poi pubblicato anche in Francia da Le magazine littéraire e negli Stati Uniti da Funny papers).
Torna in patria l'anno successivo con la famiglia (moglie e figlia brasiliane) e crea la cagnolina Pimpa per il Corriere dei piccoli. Si stabilisce inizialmente a Milano, poi si trasferisce ad Aquileia.
Rappresentato dall'agenzia Quipos di Marcelo e Coleta Ravoni, vede le sue collaborazioni moltiplicarsi e diversificarsi (per esempio è singolare un episodio della vita di Casanova per un volume a fumetti antologico sul celebre libertino).
Cipputi nei Tascabili Bompiani
1977Animo, Cipputi!
1979Ridi, Cipputi!
1980Sempre più fitta, Cipputi!
1981Turno di notte, Cipputi!
1982Piatti amari, Cipputi!
1983Alla deriva, Cipputi!
1984Senza rete, Cipputi!
1985Gioco pesante, Cipputi!
1986Dieci anni Cipputi!
1986In diretta, Cipputi!
1987Aria fritta, Cipputi!
1988Pioggia acida, Cipputi!
1989Guida a destra, Cipputi!
1990Overdose, Cipputi!
Crea nel 1975 il personaggio dell'operaio metalmeccanico Cipputi, apparso pubblicato nel maggio 1976 sulle pagine di l'Uno, inserto di Linus. Saggio, disincantato e caustico, Cipputi diventa presto emblematico e il termine "cipputi" entra nel linguaggio comune a indicare l'operaio per antonomasia, ma anche il lavoratore consapevole, dalla coscienza di classe e sindacale perfettamente formata.
Pubblica sul newsmagazine Panorama – trasferendosi al concorrente L'Espresso quando la casa editrice Mondadori viene comprata dall'imprenditore Silvio Berlusconi – e sul mensile Linus, sul quotidiano La Stampa, su periodici satirici come Tango (poi Cuore), sull'agenda cult "Smemoranda". Selezioni di vignette di Cipputi sono pubblicate dall'editore Bompiani.
Dal 1987 si pubblica la testata Pimpa (Panini), ed è pubblicata anche all'estero.
Numerose sono le raccolte delle sue vignette in libretti di larga diffusione.
I romanzi a fumetti sono apparsi sulle testate Milano Libri-RCS, poi raccolte in volumi: Sandokan (1976), Colombo (1977), Ada (1978), Fritz Melone (1979). Apprezzati anche i personaggi creati per il pubblico più giovane, come Kamillo Kromo (Corriere dei piccoli, Illustrazione dei piccoli).
Oltre alla satira e al fumetto, scrive e illustra storie per bambini che sono pubblicate anche all'estero, in tutta Europa, in Giappone. Dal 1992 inoltre illustra per Einaudi le nuove edizioni dei libri di Gianni Rodari.

 

MEDIA Dagli anni Ottanta la Pimpa è protagonista anche di serie di disegni animati, passate in televisione e diffuse in edicola in VHS e, succesivamente, in DVD.
  • Franco Fossati "Guida al fumetto satirico & politico", Gammalibri, Milano, 1979.
  • "Dialoghi di Altan", suppl. a Rinascita n. 49, 14 dicembre 1979, omaggio agli abbonati; introduzione di Ottavio Cecchi (direttore della testata).