Franco BIGNOTTI (Francis Bignot)1930-1991
Nasce a Cellatica (Brescia, Italia) nel 1930. Frequenta a Milano l'Accademia di Brera. Esordisce, insieme a tanti altri grandi autori italiani, illustrando pubblicazioni per l'infanzia della casa editrice Carroccio di Monza. Nel 1950 disegna a fumetti la serie de "Il piccolo centauro" per la Casa editrice Gioventù di Pasquale Giurleo, su testi di Gian Giacomo Dalmasso.
Nel 1952 collabora con La vispa Teresa, disegnando tra l'altro "La fanciulla dello spazio", un fumetto di fantascienza.
Dal 1952 al 1955 disegna per Torelli personaggi come El Bravo (ancora su testi di Dalmasso)
Nel 1956 inizia la lunga collaborazione con la casa editrice della famiglia Bonelli, prima disegnando la serie di Hondo su testi di Gian Luigi Bonelli, poi Un ragazzo nel Far West nel 1958 (ne realizzerà anche un episodio per il n. 108 della Collana Rodeo, su testi di Decio Canzio).
Nel 1964, sempre per Bonelli, riprende il personaggio di Furio nella Collana Araldo in formato libretto, e nel 1966 Gun Flint per la Nuova collana Araldo.
Disegna, dal 1965, anche i personaggi della esseGesse per Collana Freccia (Miki e Blek) della Casa editrice Dardo e per l'edizione francese della Lug.
Mette a frutto anche all'estero l'abilità acquisita nel fumetto avventuroso e western lavorando per la britannica Fleetway e continuando la serie argentina "Verdugo Ranch" (dove subentra a Ivo Pavone, su testi di Héctor Oesterheld).
Disegna anche "Il piccolo ranger" per la Collana Audace a striscia (nel 1970-1971) ed episodi delle serie di Mister No e di Martin Mystère.
Muore il 16 febbraio 1991.