Cesare PASCARELLA1858-1940
Nasce a Roma (Italia) il 28 aprile 1858. Studia all'Istituto di belle arti della capitale e si "specializza" nel disegno di paesaggi e animali, entrando nel gruppo dei "Venticinque della campagna romana" e acquistando notorietà con i suoi asinelli.
Frequenta gli ambienti artistici e letterari romani, e comincia a collaborare con il Capitan Fracassa. Nel 1881 pubblica i primi sonetti, "Er morto de campagna", su Cronaca bizantina, e nel 1883 "La serenata" sul Fanfulla della domenica.
Viaggia moltissimo e in tutto il mondo, cominciando dall'India nel 1885 per continuare in Giappone, Stati Uniti, Cina e Sudamerica (Argentina, Uruguay)...
Nel 1886 pubblica "Villa Gloria", meritandosi il favore della critica e un articolo del Carducci sulla Nuova antologia. Seguono altri sonetti e prose, pubblicati in riviste e libri, che registrano successo di pubblico e varia accoglienza dalla critica.
Nel 1930 è nominato "accademico d'Italia".
Colpito da sordità e in solitudine, muore a Roma (Italia) l'8 maggio 1940.
Bibliografia
  • 1881 Er morto de campagna (in Cronava bizantina), sonetti
  • 1882 La serenata (in Fanfulla della domenica), sonetti
  • 1884 Er fattaccio, sonetti
  • 1886 Villa Gloria, sonetti sull'impresa risorgimentale dei fratelli Cairoli
  • 1887 Cose der monno (in Fanfulla della domenica)
  • 1887 L'allustra scarpe filosofo (in L'illustrazione italiana)
  • 1893 La scoperta de l'America, sonetti
  • 1900 I sonetti
  • 1920 Le prose
  • 1920 Viaggio in Ciociaria
  • postuma Italia nostra (iniziata nel 1895, incompiuta, pubblicata postuma)
  •